Gerusalemme a sera

Pensieri sparsi

Maggio 2019. Seregno. Eremo al Lazzaretto.

Dopo tanti mesi riprendo a interrogarmi su questo sito, passate le difficoltà anche fisiche e teso sempre verso l'Eterno ma immerso in un presente che mi pare purtroppo nebuloso. Il futuro nel tempo mi  crea un poco di angoscia. Riprendo dunque a offrire qualche mia insignificante (!) parola a chi ancora si sofferma su questo sito. Ho così aperto una nuova pagina dedicata all'anno ormai iniziato da tempo, il 2019, l'0ttavo del mio pensionamento.  La nuova pagina si apre con il mio augurio pasquale. Manca purtroppo la documentazione fotografica di quel giorno, la Pasqua del 2016 vissuta proprio al Santo Sepolcro. L'augurio rimane però come espressione dei miei sentimenti affettuosi verso chi mi sta leggendo. E' l'evento che sta al cuore della mia vita dumana, di cristiano e di prete. L'augurio è sincero. Accoglietelo con simpatia.

 

PER UN TRADIZIONALE ‘AUGURIO’

UN PENSIERO DI FEDE E DI IMMENSA GIOIA

NELLA SOLENNITA’ DELLA PASQUA DI RESURREZIONE

Nel 2016 vissi il triduo pasquale  a Gerusalemme nella basilica del Santo Sepolcro.

 

Davanti al Santo Sepolcro il patriarca Sua Beatitudine  Fouad  Twal presiedeva la liturgia presenti centinaia di preti   c’ero pure io quella   volta. Sul mio sito scrissi un pensiero che riprendo per offrirlo a te e a voi tutti

“La liturgia si è celebrata davanti al sepolcro vuoto. Impressionante solo a pensarci.

La mia fede riconosce in quella tomba il luogo del 'riposo' di Gesù,

dopo la sua morte e la sua  sepoltura la sera del venerdì precedente,

il posto del mondo dove è avvenuta la resurrezione per  la nostra  vita  futura!

Il Patriarca  Sua Beatitudine Fouad Twal quel giorno

 chiuse la sua meditazione con il grido di stupore e di gioia

Cristo è risorto

Veramente risorto!”

Possiate anche  Tu e voi tutti  provare la fortissima emozione di fede

nel dì dell’imminente Pasqua.

Ve lo augura un ‘prete antico’ che vuole bene a te e a tutti i tuoi cari.....

Don Pino Caimi