DAL 1 GENNAIO 2016 

AL....

 

 

COMUNICAZIONE IMPORTANTE

Questa pagina del mio sito 'Pensiero del giorno' si ferma. Tace. Non perchè sono in difficoltà a mettere per isrcitto  il mio 'pensiero quotidiano, ma perchè ho aperto una nuova pagina 'Quaresima 2016' che si può seguire, giorno dopo giorno, Giovedì 21 gennaio 2016: "Confessioni/La quaresima 2016". Potrà capitare che qualche evento decisamente importante (ovviamente nella mia vita) mi induca a scrivere. Comunque  questa pagina riprenderà dopo la settimana santa.

A compieta, in chiusura  di un altro giorno , con la Chiesa ho pregato così: " Ritorna anima mia alla tua pace, perchè il  Signore ti ha beneficato". Poi mi sono messo a letto.

Erano le 23.15                                                                                          Questa semplice orazione penetra nel mio quotidiano  che mi sembra non solo ripetitivo ma anche banale. Almeno,oggi,a me pare che sia così. Un pensiero che nella fede nell'amore dell'immenso Dio per me, mi riporta all'unico 'bene' di questi miei giorni: la pace 'dentro', la pace della mia anima mentre il tempo , un carro che non si ferma mai sulla lunga strada che porta all'appuntamento,  riduce giorno dopo giorno ciò che resta di questa mia vita. La pace, del cuore, dunque, dono - Dio mi ha beneficato - del Signore che è l'unico  ad avermi presente e mai mi lascia solo. "Ritorna - dunque- anima mia alla tua pace' e attendi....!

...........................

 Venerdì 22 gennaio 2016

Mi piace pregare con il breviario, ovviamente ambrosiano. Oggi all'ora  nona, le tre del pomeriggio, la breve lettura suggerita dal breviario recita così: "Fratelli, Cristo è morto per tutti, perchè quelli che vivono non vivano più per se stessi, ma per colui che è morto e risuscitato per loro" (2Cor 5,15).  E' un venerdì, oggi. La dolce campana della chiesa dell'Addolorata al lazzaretto  con i suoi rintocchi ha ricordato la morte del Signore Gesù. Nel silenzo del mio eremo ho rivolto il pensiero a quell'ora...quando là sul Calvario il mio Signore moriva per me.... Ho sentito che Qualcuno mi ha amato fino a dare la sua vita per me. Questo pensiero si è poi ampliato e mi ha condotto al mio 'giorno', chiedendomi se condivido la sua passione per amore degli alri, dei fratelli..Mi sono reso conto che prendere sul serio il Cristo può portarci là dove Santa Teresa della Corce ha lungamente scritto nel uo libro 'Scientia crucis': sulla croce, per essere con Lui. Sinceramente provo timore.

......................................

LA MIA QUARESIMA 2016

Domenica 14 febbraio 2016

Ieri sono entrato con la comunità nel prezioso e 'favorevole' tempo della Quaresima. A suo tempo ho letto il 'Messaggio' che il Santo Padre ha inviato alla Chiesa per vivere nella fede e con impegno il ttempo quaresimale. Nella predicazizone del giorno ho voiuto ricordare  le proposte cheil Papa   ha inteso fare a tutti noi e un'iniziativa davvero interessante. Le proposte sono due: ha chiesto a tutti di mettersi in sincero e costante ascolto della Parola di Dio  e poi ha invitato alla preghiera con l'iniziativa '24 ore per il Signore'. Infine ha dato l'annuncio di aver istituito  'i missionari della misericordia'. Alla comunità ho spiegato che questa iniziativa era rivolta a coloo che vivono in un contesto di peccato permanente poichè a questi preti ha dat o il potere di rimettere i peccati anche quelli più gravi in assoluto e riservati alla SantaSede.

Si tratta di prendere sul serio questo tempo cercando per quanto è possibile di mettere in pratica le  proposte del Santo Padre. Per  quanto mi riguarda, vedrò di   meditare le letture del giorno anche quelle del 'Breviario' molto interessanti assieme all'impegno di prediligere nel quotidiano una delle 'benedizioni' del monte (che mediteremo domani alla Messa del giorno): "Beati i miti...."

.........................

Lunedì 14 febbraio 2016     

Alla Messa del giorno (celebrata a Santa Valeria nella memoria di mio fratello ZSandro) al Vangelo ho letto  l 'Beatitudini del monte' secondo  Matteo. Questo annuncio apre dunque la Quaresima, dopo che ieri la Chiesa ambrosiana ha meditato le 'tentazioni di Gesù nel deserto'. Le beatitudini del monte sono come la  'magna charta' del Cristianesimo. Un succedersi di situazioni umane tra le più trascurate ma tra le più diffuse in questa umanità che il  Signore Gesù assume come criterio per annunciare la 'beatitudine'. Alle volte quando annuncio questa pagina evangelica, sogno di essere là sul monte, poco distante dal Maestro per ascoltarne la Parola che sconcerta, turba e costringe alla riflessione. Per questa quaresima  mi sono proposto di viverne in modo particolare una, quella della mitezza: "Beati i miti perchè avranno in eredità la terra". Sì, un tentativo di essere un poco più buono, nei pensieri, nelle parole e dentro nei sentimenti. Uscendo dalla sacristia una ragazza è venuta per dirmi che lei ha scelto un'altra beatitudine: "Beati i puri di cuore perchè vedranno Dio". Forse voleva farmi sapere che lei desiderava sopratutto 'vedere il volo di Dio'. Anime serene e belle ce ne sono ancora, grazie a Dio!