DOMANI....

.Seregno 19 luglio 2020

'Domani è un altro giorno" così finise un famoso film! Una frase che è rimasta nella memoria di generazioni  che vi hanno 'letto' non il finire del tempo ma l'illusione che sia proprio il tempo personle a finire. Il 'domani' illude. Così amo pensare. Eppure ho vissuto i lunghi anni miei proprio con questa sicurezza; domani sarà un altro giorno....Ora a tampo quasi scaduto penso che ci sia il domani, certamente e non appartiene al tempo che segna la vita nel mondo, E' un domani che ci verrà donato per essere felici quanto almeno abbiamo desiderato in vita. Una felicità però di 'stampo diverso' che non so e non oso pensare tanto è lontana dal farsi conoscere,'La c'è la gioia' fuori di questo tempo perchè garante è Colui dal quale la vita procede e da quel 'Figlio dell'uomo' che è vissuto proprioper toglierci di dosso ciò che in questa vita si è sbagliatom si è peccato, Testoni  che siamo!

..............................

Sereggno 22luglio2929

Molti hanno 'oarlato' e scritto del 'domani'. Deve   fare quasi timore il 'domani'! Scrittori, poeti, filosofi, religiosi spno stati interessai dal 'domani'. Deve essere una categoria a dir  poco temuta anche se capita di pensare al domani con desiderio per ciò che potrebbe capitare di bello. Tanto i giorni passano e al 'domani 'mica si pensa: basta l'oggi da vivere: "Carpe diem" e  poi......?Mi piacerebbe riportare qualche frase famosa  sul 'domani' Vedrò....quando la vista me lo permetterà! Intanto l'antica saggezza nella cultura del suo tempo Oratio ha scritto del 'domani':"Afferra il giorno che passa e non fare nessun affidamento sul domani.»Anticipo del 'carpe die,'!

......................................

Seregno23 luglio 2020

Però al domani tutti pensano e fanni progetti, Il 'domani' èuna 'presenza che occupa l'oggi. Quest0utmo sta passando senza che nulla succeda,,,,,si attende il domani.Mi è poaciuta una frasetta di Rooosvelt “Ieri è storia. Domani è mistero. Oggi è un dono.” Comunque una certezza c'è: il domani 'incombe'! Anche sel'oggi assorbe tutta la nostra energia fisica o mnentale,il domani pretende il suo esserci anhe se ancora manca! E' il mistero del tempo dentro la carne dell'uomo che non se ne ouò dimenticare. Finchè c'è gioventù il domani è attesa, Quando il tempo è corso via ildomani è sì attesa ma di Qualcosa d'altro!Allora è tempo della   'transumanza' spirituale: Si lascia la pianura della storia e si va lassù agli alpeggi.La stansumanzam si sam ha due momentLa monticazione,[6] parola che deriva dal verbo monticare, s'indica la fase iniziale della transumanza, che si compie nel periodo primaverile, quando avviene il trasferimento degli armenti e dei pastori dalle zone di pianura ai pascoli di alta quota ed ha inizio l'alpeggio.Nela transu,amza spirituale non ci sarà però la  demonticazione sossia rasferimento che, nel periodo autunnale, riporta gli animali e i pastori dai pascoli in quota a quelli di pianura nella fase di discesa successiva al periodo estivo dell'alpeggio.; No... la rtansumanza spiritale ha un sola modalità: il salire e lo stare. Negli alpeggi dove l'erba è buona, i giorni sono lunghi il sole ttarda a scendere! Pensi che data la arda età sia vicino alla mia transumanza: desidero i pascoli eterni dove stare con  il mio Pastore.

.............................

Seregno 24 luglio 20220

Uno dei salmi di Davide famoso tanto da essere messo in musica da autori antichi e moderni - il salmo 23 - si inserisce bene nella rflessione che ccerco  di fare in vista anche di ciò che 'domani' mi può capitare. "Il Signore è il mio pastore" Gesà lo conosceva bene tanto da affermare che Kui è il Buin Pastore che porta il suo gregge ai pascoli ubertosi, Mi piace oggi ricordarmelo in questo mio sito : l'ho recitato e cantato migliaia di volte sia nella preghiera personale com nelle liturgie del giorno,

"Salmo. Di Davide.
Il Signore è il mio pastore: non manco di nulla; su pascoli erbosi mi fa riposare, ad acque tranquille mi conduce.
Mi rinfranca, mi guida per il giusto cammino, per amore del suo nome.
Se dovessi camminare in una valle oscura, non temerei alcun male, perché tu sei con me. Il tuo bastone e il tuo vincastro mi danno sicurezza.
Davanti a me tu prepari una mensa sotto gli occhi dei miei nemici; cospargi di olio il mio capo. Il mio calice trabocca.
Felicità e grazia mi saranno compagne tutti i giorni della mia vita, e abiterò nella casa del Signore per lunghissimi anni.»Il mio pastore sa dove portarmi: sono una sua pecorella, una del suo gregge . Egli mi conosce e mi vuole bene. Guida sicuro la transumanza fino ai pascoli eterni.....Ecco il mio domani' e nelle sue mani, Mai dubiterò della sua premura per me vistto che è corso a ritrovare la peccorina  perduta.Il 'domani' nel tempo lo temo per le sofferenze che mi può portare. Ma non è  il vero domani! Ti ho seguito dolce Signore, ho sentito la tua careazza quando stanco e affaticato per il ministero mi hai preso in braccio, sono stato sempre con il tuo gregge, questa santa Chiesa: ho impegnato tutte le mie energie spirituali, mentali fisiche perchè avvenga sia pure nel tempo umano il tuo Regno! Signore accompagnami in questi ultimi tempi verso il pascolo ubertoso che tu hai scelto per tutti noi. Grazie Signore

E sarà 'Domani' eterno!

............

Seregno 30 luglio 2020

Mi è nenuto di pensare alla mia gente che non è più: Stanno nei pascoli ubertosi con il loro Pastore. La 'montificazione' è terminata e da quei pascoli non  ritorneranno alla pianura

Panso a mio fratello Sandro che il suo 'domni' è arrivato quando stava in ascolto di una conferenza sugli anziani in Cislago. Penso a mia sorella Giulia che in una notte fonda e cuoa, invasa da una pioggia torrenziale ho visto stesa sul pavimento di casa: il suo domani giunse con un infarto. Penso a Mons. Gandini mio prevosto in Seregno che in vacanza ai monti fu trovato steso a terra anche Lui ha visto il suo 'domani' improvvisamente, Penso poi a tante persone a me care, laici, religiose, sacerdoti: Din Giuseppe Villa, Don Gianfranco Radaelli  morto nlla sua cameretta agli esercizi spiritualiin Rho e altri ancora.come Riccardo Ballabio  calente e capace laico nella comunità.che ha visto il suo 'domani' in bagno.......Qual'è il 'vero' domani? Quello che verrà nel tempo o quello che si compie una volta per sempre. Allora è possibile pensare che il 'domani' non sia altro  che l'0GGI?

...............................

 Seregno 5 agosto 2020

Dal sito di Milano ho letto una notizia che mi ha sorpreso: non sapevo che Mons. Apeciti rettore del seminario lombardo a Roma stava per morire a causa del virus, Mons. Apeciti ha fatto 'beati e santi' tanti preti milanesi Ma io lo ricordo per i rapporti che ho avuto con Lui a motivo della malattia e della morte di Alessandro Galimberti, giovane seminarista lissonese. L'ho avuto più volte in Lissone a presiedere la liturgie di memoria nel giorno della morte di Alessandro. Appena guarito dal Coved19 Monsignore è stato intervistato subito. Qualche sua risposta ci può essere utile quando la malattia entrerà nella nostra vita, quella davvero perisolosa. " Chiuso, distante da Milano, con nel cuore la nostalgia, ho pensato che fosse importante sviluppare maggiormente il dialogo con  con gli amici, con i preti lontani. È stato un dare forza, così, anche a me stesso, perché sentivo che potevano essere le “ultime volte”. Questo condividere mi ha aiutato molto e credo che abbia spinto anche altri a dire che non bisogna rassegnarsi mai, qualunque cosa accada.Sognavo di vedere la Madonnina, il Duomo, di incontrare il mio Arcivescovo che è un amico, e di tornare nel Seminario di Venegono, che ha significato tanto nella mia vita. Mi piace ricordare che, quando l’allora arcivescovo Scola mi chiese di venire a Roma a fare il Rettore, appena uscito dal suo studio un po’ confuso, andai in Duomo e passeggiai presso le tombe degli Arcivescovi di Milano. Il Duomo dà sempre forza a un prete ambrosiano." Auguro nlla preghiera che possa riprendere al più presto il suo ministero: zelante come lo è Mons. Apeciti darà ancora tanto alla 'sua Chiesa milanese, A me ha lasciato questo messaggio: non rasssegnarci mai a ciò che di grave ti può capitare e soprattutto di fidarmi di Dio. Sempre. Anche oggi....